Matthias Grünewald

         Crocifissione  

 

+

Santa Pasqua 2021

 

“Ecco l’Agnello di Dio,

ecco colui

che  prende su di sé

il peccato del mondo”

Gv 1, 29

       

Fratelli, sorelle, amici amati nel Signore,

in questo anno dedicato da Papa Francesco a san  Giuseppe  vogliamo considerare  la sua peregrinazione nella fede.

Con la lettera apostolica “Patris corde” il Santo Padre si prefigge di condividere con noi alcune riflessioni sulla straordinaria figura di questo santo che è stato scelto per essere vicino a Gesù.   E   a  noi  oggi.   

Il suo desiderio di additarcelo e indicarcelo come compagno di cammino nell’oggi che siamo chiamati a vivere,  è espresso nella lettera, tra l’altro, con queste parole:     « durante questi mesi di pandemia in cui possiamo sperimentare, in mezzo alla crisi che ci sta colpendo, che le nostre vite sono tessute e sostenute da persone comuni, solitamente dimenticate, che non compaiono nei titoli dei giornali e delle riviste, che senza  dubbio, stanno scrivendo oggi gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermieri, forze dell’ordine, volontari, sacerdoti, religiose e tanti, ma tanti altri che hanno compreso che nessuno si salva da solo. Quanta gente esercita ogni giorno pazienza e infonde speranza, avendo cura di non seminare panico, ma corresponsabilità. Tutti possono trovare in San Giuseppe, l’uomo che passa inosservato, l’uomo della presenza quotidiana, discreta e nascosta, un intercessore, un sostegno, una guida nei momenti di difficoltà. San Giuseppe ci ricorda che tutti coloro che stanno apparentemente nascosti o in “seconda linea” hanno un protagonismo senza pari nella storia della salvezza».  

A Giuseppe «Dio affidò i suoi tesori più cari» (Pio IX). Con lui il Figlio di Dio incarnato imparò dalle Scritture:  «Ecco io vengo, sul rotolo del libro di me è scritto, di fare, o Dio, la tua volontà» (Sal 39,8). Con Giuseppe imparò l’obbedienza  che lo portò alla Croce, mentre attese l’adempiersi di «vedere la luce, di avere in premio le moltitudini» (Is 53,11.12).

Giuseppe «si pose al servizio dell’intero disegno salvifico» (S. Girolamo); la sua grandezza sta «nell’aver fatto della sua vita un servizio, un sacrificio alla missione redentrice» (San Paolo VI).

«San Giuseppe, in ogni circostanza della sua vita, seppe pronunciare il suo “fiat”, come Maria  nell’Annunciazione, e Gesù nel Getzemani».

Gesù patì nella sua carne  le nostre stesse sofferenze per noi, per innalzarci, insieme con Lui, all’altezza che gli compete fin dall’eternità. Egli è vissuto nell’umanità fisica, carnale, morto e risorto per entrare nella gloria del PADRE e portare con sé tutti noi. Questo è il grande disegno di bontà, di saggezza, di speranza, di amore del PADRE, al quale  ognuno di noi  è chiamato a partecipare come San Giuseppe ha contribuito «con la sua umana vocazione all’amore nella Santa Famiglia». In lui noi vediamo il culmine dell’amore nel dono di sé, come liberamente Gesù ha fatto  salendo sulla croce e con il Suo Sangue ha salvato il mondo.

 

Con san Giuseppe,

nell’adesione di noi stessi alla sofferenza della Croce,

partecipiamo alla redenzione: «cioè il mistero nascosto da secoli […]

ora manifestato ai suoi santi ai quali Dio

volle far conoscere la sua ricchezza:

 

      

 

               Matthias Grünewald

                    Risurrezione

 

Cristo in noi, speranza della Gloria!» (cfr. Col 1, 26.27).

Con San Giuseppe ciascuno di noi trovi in Dio il proprio volto nella vita nuova che viene dall’Agnello immolato e risorto.

AMEN, ALLELUIA!

Questa è la nostra domanda al Signore  per voi e per noi nella preghiera quotidiana.

Questo è il nostro augurio.

                                                 Sr Maria Benedetta  e sorelle

 

Monastero Clarisse Cappuccine

Via Domenico  Chiodo, 55      16136  GENOVA 

Tel.  010. 2722785                  

clarissecappuccine.genova@gmail.com

www.clarissecappuccinegenova.it 

 

 

SCARICA IL PDF

 

 

 

error: Il contenuto è protetto!

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.

Alcuni contenuti o funzionalità del sito qui presenti non sono visualizzabili a causa delle Sue preferenze sui cookie!
Ciò accade perché la funzionalità/i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che ha scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: fai clic qui per aprire le tue preferenze sui cookie