Carissimi fratelli, sorelle, amici,

il Signore vi dia pace! Egli che è la nostra Pace ci chiama oggi, ci invita a sollevare lo sguardo. Solo tenendo il cuore ben ancorato all’unica certezza e l’edificio della nostra vita ben fondato sull’unica Roccia, possiamo leggere le vicende della nostra vita, dalle più personali a quelle della famiglia/comunità, a quelle della nostra città, del nostro Paese, del mondo intero nella giusta prospettiva.

Dov’è Colui che è nato, il re dei Giudei?

  • 12 maggio, Il santo Padre Francesco aveva deciso di rendere visibili anche in Vaticano i volti di due apostoli della Misericordia, nel sacramento della Riconciliazione ed ha scelto due santi confessori cappuccini, san Pio  da Pietrelcina e  san Leopoldo  Mandič, le cui spoglie  mortali sono state solennemente venerate nella Basilica di San Pietro. Proprio nel giorno della festa di San Leopoldo abbiamo avuto la visita del Padre Generale dei Frati Minori Cappuccini, fr. Mauro Jōhri che ci ha trasmesso la profonda gratitudine e la gioia dell’Ordine per questo fatto straordinario che richiama i frati alla loro prima vocazione nella Chiesa.
  • Nello stesso giorno abbiamo avuto un dono speciale, un Incontro Ecumenico, poter pregare con un gruppo di fedeli della comunità luterana presente nella nostra città, seguito anche da un incontro di conoscenza reciproca.
  • Il 29 giugno, con la partecipazione gioiosa di una folta assemblea e in particolare della comunità latinoamericana, sr. Caterina Amilza del Bambin Gesù ha emesso la Professione Perpetua. “Sono vostra Madre, piena di pietà e di amore per voi e per tutti coloro che mi amano, hanno fiducia in me e a me ricorrono”(la Vergine di Guadalupe a S.JuanDiego).
  • In luglio ha fatto ritorno al monastero sr. M. Monica dopo due anni di studio alla Spiritualità Francescana a Roma, presso la Pontificia Università Antonianum.
  • L’11 agosto, la solennità di santa Chiara ha visto riuniti tanti sacerdoti e frati e molti fratelli laici per una solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta per la prima volta dal novello Vescovo ausiliare Mons. Nicolò Anselmi che poi si è intrattenuto con noi per una amabile condivisione del cammino della nostra Diocesi, in particolare la “pastorale giovanile”.
  • Il Congresso Eucaristico Nazionale ci ha coinvolte innanzitutto col  sostegno orante alla ampia e complessa preparazione, preghiera che abbiamo esteso ai fratelli anche nei giorni del Convegno stesso in particolare con i Vespri e l’Adorazione Eucaristica, e accogliendo la Delegazione sulle Opere di Misericordia.
  • E ci è stato fatto un dono nel Dono: il nostro vescovo, il cardinal Angelo Bagnasco, ha invitato noi e tutti  le comunità contemplative della città alla Concelebrazione Eucaristica conclusiva.
  • Durante l’anno siamo state accompagnate nel cammino di “formazione permanente” da Mons. Marco Doldi e fr. Giampiero Gambaro.
  • In ottobre la visita della madre Assunta Bertone, presidente della federazione, con la quale abbiamo fatto il punto sul cammino dell’Ordine. La madre infatti aveva potuto partecipare all’Assemblea interfederale svoltasi nello scorso maggio in Messico ed era stata un’occasione molto importante anche per noi poterne seguire i lavori quasi in tempo reale. Ora il racconto della sua esperienza e la prospettiva del lavoro impegnativo e necessario di revisione delle Costituzioni. Lavoro comunitario già iniziato con la consapevolezza che  le sorelle a tutte le latitudini stanno lavorando come noi per camminare sempre meglio con la Chiesa che cresce, nella fedeltà al nostro carisma francescano-clariano-cappuccino.
  • Gli Esercizi Spirituali quest’anno sono stati guidati da fr. Luciano Lotti, cappuccino che ha vissuto e respirato fin da piccolo  il  cammino  spirituale  di  San  Pio  da  Pietrelcina.
  • 12 dicembre. Un’altra occasione preziosa per noi per pregare per l’unità ci viene offerta dall’Incontro Ecumenico: argomento il “Magnificat” con sermone del pastore luterano Jakob Betz nel respiro ecclesiale della celebrazione dei Vespri. Due incontri ecumenici, in questo anno in cui Papa Francesco ha voluto recarsi in Svezia. Perché non cada dalla memoria la grande ferita della separazione, e perché con tutta la vita imploriamo il Signore e lavoriamo instancabilmente perché si ricomponga l’Unità della Chiesa.
  • 9 dicembre, rendiamo grazie al Signore per la Sua fedeltà con sr. Amata che festeggia i 60 anni di Consacrazione. “Chi ti segue, Signore, avrà la luce della Vita.”
  • Siamo stati invitati a vivere un tempo speciale, un “Anno di Misericordia”, proprio per imparare a riconoscere il Signore presente nel volto più vicino, nella persona che mi sta accanto il Suo Volto. Così scopriamo che l’Anno della Misericordia non solo non è finito, inizia ora, è Oggi.

In questo oggi sperimentiamo la presenza/provvidenza del Signore nei volti e nelle mani, nel cuore di coloro che a Suo nome vengono, e silenziosamente colmano la nostra povertà confidando nella preghiera della Chiesa.

Dov’è Colui che è nato, il re dei Giudei?

La nostra preghiera, nel quotidiano scorrere del tempo affidato al Signore, in questo Oggi santo che ci è donato, è perché gli occhi di ciascuno di noi, figli nel Figlio, si aprano, il nostro cuore si spalanchi e riconosciamo il Signore presente, il Signore che opera, il Signore che viene per salvare, il Signore che è con noi. Perché il mondo creda.

Il Signore vi benedica e vi custodisca nel suo amore.

In Comunione
la madre Paola Chiara
e le sorelle Clarisse Cappuccine

error: Il contenuto è protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi